Con la crisi meno spazzatura L’Italia impara l’arte del riciclo

Posted on 07/08/2010 di

0


Risultati record per la raccolta della carta, secondo l’ultimo rapporto nazionale sul recupero degli imballaggi. Sardegna e Campania le regioni più virtuose. Male la Sicilia, in fase di stallo Roma

MENO consumi uguale calo della quantità di immondizia che buttiamo nel cestino. Un’equazione che fa bene all’ambiente. E allora, un po’ per colpa della crisi, un po’ grazie alla crescita della sensibilità ambientale, l’Italia ha imparato l’arte del riciclo, specie se si tratta di carta e cartone: nel 2009 ne sono state raccolte 3 milioni di tonnellate pari a 52 chilogrammi a testa, riportando a nuova vita oltre l’80% dei materiali in cellulosa. Tra le regioni più “riciclone” la Sardegna e la Campania. Maglia nera alla Sicilia, in fase di stallo Roma.

Questi, in sintesi, alcuni dei dati contenuti nel quindicesimo rapporto annuale di Comieco, il Consorzio nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi di carta. Sul fronte packaging, “a causa della crisi economica – spiega il direttore generale del consorzio Carlo Montalbetti – si registra una fortissima contrazione dei consumi che si traduce in un calo del 9% dell’immesso”. In generale, nel 2009 la raccolta differenziata di carta e cartone è cresciuta del 5,2% (4 imballaggi su 5 vengono avviati al riciclo). In 10 anni (dal 1999 al 2009) le nuove discariche evitate grazie alla raccolta differenziata sono state 196, con corrispondenti benefici per la collettività – in termini di mancati costi di smaltimento, nuovi posti di lavoro creati grazie al riciclo di carta e cartone – stimati in quasi 3 miliardi (300 milioni solo per il 2009)

(……) alla pagina di Repubblica

Annunci
Posted in: sustainable news